Comprare le visualizzazioni per Youtube con i Bitcoin

Da oggi sul nostro sito è possibile acquistare visualizzazioni e altri servizi per Youtube, come likes, iscritti, commenti, etc. attraverso i Bitcoin o altre criptovalute (Ethereum, Dogecoin, Tether e così via). Vediamo come è nata questa decisione.

Non so se anche per te gli ultimi mesi sono stati particolarmente difficili.  Spero vivamente di no.

Purtroppo però, per molte persone le cose non stanno andando esattamente nel modo desiderato.

A causa della pandemia siamo reduci da due anni di reclusione personale, e abbiamo assistito alla chiusura di tante attività.

Alcuni utenti sollevano una moneta che simboleggia il bitcoin in sostituzione del logo di Youtube

Gli Youtuber le cui performance si svolgono prevalentemente online hanno resistito abbastanza bene, ma gli artisti che si esibiscono nei teatri, negli stadi e nelle piazze e utilizzano Youtube soprattutto come vetrina, hanno dovuto affrontare una realtà durissima.

Inoltre ormai da mesi assistiamo a una guerra, quella russo-ucraina, che può apparire relativamente lontana, ma ha conseguenze molto vicine, in questo villaggio globale.

Che sembra tutto fuorché un villaggio vacanze…

Come un’onda partita dagli anni ’80, il benessere economico, sognato e in parte sperimentato, si sta ritraendo lasciando una battigia piena di incognite e di conchiglie taglienti.

Come muoverci in questo scenario? Personalmente ho un sogno. Il sogno di una notte di fine estate.

Sogno di una notte di fine estate

Le difficoltà dell’ultimo periodo ci hanno lasciato più poveri, più incazzati e più sospettosi. Anche gli istituti finanziari sono diventati più diffidenti di quanto già non fossero.

Fino a poco tempo fa, non era particolarmente complicato per un’attività come la mia aprire un account business su Paypal o Stripe.

Le verifiche consistevano nell’invio di qualche documento, procedura chiamata “Know Your Customer” (KYC, sono dovuto diventarne un esperto, mio malgrado) e venivano effettuate piuttosto rapidamente.

Poi la crisi economica mondiale ha favorito il moltiplicarsi di crimini informatici legati al riciclaggio di denaro e altre frodi.

Così oggi aprire un account come venditore di servizi online è diventata un’operazione lunga e complicata, mentre è facilissimo vedersi chiudere i suddetti account con motivazioni anche futili.

Come purtroppo è successo anche a me!

Tutto per colpa di un paio di idioti che mi hanno fatto “chargeback”, cioè chiesto indietro alle loro banche i soldi pagati per i miei servizi.

Nonostante avessi completato regolarmente centinaia di ordini, incontrando la piena soddisfazione di altrettanti clienti.

Così ho trascorso gran parte dell’estate a compilare moduli e caricare documenti online, per trovare un nuovo gateway di pagamento per i siti web che gestisco.

Non è stato affatto divertente, per usare un eufemismo, ma almeno mi è servito a capire una cosa: che la libertà, come il tempo libero, non ha prezzo, tantomeno la libertà finanziaria.

E quale strumento finanziario in questo momento storico ci garantisce maggiore libertà? Secondo me, e secondo un numero sempre crescente di persone, è quello delle CRIPTOVALUTE.

Ovviamente come lavoratore del mondo digitale ne ho sentito parlare fino dal loro esordio nel 2009, quando venne “coniato” l’ormai celebre BITCOIN.

Però solo di recente ho capito quanto un sistema di pagamento peer-to-peer, cioè da pari a pari, in grado di scavalcare qualsiasi istituto finanziario tradizionale e non (banche, ma anche i già citati Paypal, Stripe, Sumup, etc.) sia totalmente rivoluzionario.

Una rivoluzione non in termini astratti, ma molto concreta, anche per i riflessi quasi immediati che può avere sulle nostre vite.

Alcuni vantaggi inclusi nel pagamento con le criptovalute sono facilmente immaginabili: dalla riservatezza, che può arrivare al completo anonimato, fino a un consistente risparmio dato dalla mancanza di spese di intermediazione bancaria.

Finalmente, sembra un sogno! Un sogno da cui potere ripartire.

Materializziamo questo sogno

Molti di noi, i fortunati che hanno potuto permettersele, sono già tornati dalle vacanze estive, ma hanno ancora negli occhi le immagini di bei paesaggi e di momenti di svago.

Cosa ne diresti se quest’anno continuassimo la vacanza e ci riprendessimo il sogno che virus, banche, hacker e guerrafondai stanno cercando di portarci via?

Non sarebbe bello lavorare in smart-working dalla spiaggia, grazie a quanto risparmiato attraverso le crypto e grazie a campagne di successo per i nostri video Youtube?

Queste sono state le riflessioni che mi hanno portato a introdurre sul mio sito https://youtubemarketing.it la possibilità di effettuare acquisti tramite le criptovalute (anche se ho mantenuto la possibilità di utilizzare le carte di credito).

E ho deciso di premiare chi mi seguirà in questa direzione, come spero farai anche tu, con uno SCONTO DEL 20% automatico se sceglierai di pagare con Bitcoin o altre crypto qualunque dei nostri servizi, che si andrà ad aggiungere a tutti i vantaggi già offerti da queste monete digitali.

IMPORTANTE: per utilizzare le criptovalute non è necessario comprarne grandi quantità, nè tenerle ferme a lungo. Questo lasciamolo fare a chi conosce bene i mercati e le sue oscillazioni. Per l’utente medio che vuole godere in tutta sicurezza dei loro vantaggi immediati, sarà sufficiente convertire in Bitcoin o altra moneta digitale la somma corrispondente al servizio che si desidera acquistare. Uno dei siti che rendono più semplice questa operazione è https://nexo.io dove basta registrarsi con nome ed email, senza ulteriori procedure di identificazione, ma ce ne sono tanti altri.

Intanto ti ringrazio per avermi accompagnato fino a qui in queste mie lunghe considerazioni. Gli esperti di marketing consigliano una comunicazione breve, in questo mondo che va sempre più di fretta.

Io però credo in una comunicazione umana, peer-to-peer, come per le criptomonete 😉 e nella necessità di riprenderci il nostro tempo… Possiamo goderci ancora un po’ d’estate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.